giovedì 19 marzo 2009

Il castello di Ivangorod...


Cammino su spartiti d’acqua
dove attendo la notte
conservando l’ascolto
sospeso in un tempo diverso.


-silenziosa Ivangorod-

Osservo graffiti vivi
rincorrersi su colori poetici
negando l’arte del cuore
inevitabilmente lirico.

-dipingono riflessi in sogni-

Abbasso lo sguardo proiettato,
aggancio l’indefinito viaggio
appesa all’aria vuota in espresse
isole dalle lacrime di cemento.

-costruisco la mia fortezza-

Innegabile atmosfera d’intenso
scuce l’imbastito domani
graffiando pareti lacerate
dal solito friabile castello.


-impugno la speranza e t’amo-

6 commenti:

  1. Esiste davvero?
    Hai visto le foto della gita?
    Sono qui http://gsvalliriunite.blogspot.com/
    le mie poesie: http://poesieeparole.blogspot.com/

    la mia mail: roberto@libarnanet.it

    RispondiElimina
  2. ..wow! commento troppo tecnico il mio?

    RispondiElimina
  3. dai versi però sembra più un castello di sabbia ...

    RispondiElimina
  4. Esiste, esiste. Uno splendido castello russo.
    Bella la tua poesia... salut!

    RispondiElimina
  5. ciao! ha aperto i battenti il nuovo portale di cinema direttamente dagli studios di Cinecittà. News, recensioni, anteprime, foto, video e tanto altro ancora; e se vuoi collaborare con noi scrivendo recensioni scrivici @ dnacinema@yahoo.it http://dnacinema.blogspot.com/ P.S. Complimenti per il blog, ottimo lavoro! (saresti daccordo per un'affiliazione? ci terrei particolarmente...) A presto! Lorenzo

    RispondiElimina
  6. Peccato tu non abbia proseguito. Era un Blog magnifico...

    RispondiElimina